Face to Face with women of ISIS

Ho scritto più volte sulle donne di Isis e anche se alcune di loro possono essere state irretite dalla propaganda dello Stato islamico, la maggior parte è profondamente radicalizzata e anche se hanno dovuto arrendersi ai combattenti SDF sostenuti dagli Stati Uniti, condividono tuttora e fermamente l’ideologia del gruppo terrorista. Queste donne possono essere ancora più fanatiche e aggressive delle loro controparti maschili (il che è tutto dire) e la realtà le vede ben lontane dall’immagine stereotipata della vittima di Isis spesso presentata dai media. Le vere vittime di Isis, sono le migliaia di bambine e donne Yazidi schiavizzate per anni dallo Stato islamico, non certamente le “mogli” che hanno condiviso con i miliziani le atrocità commesse.

Rola Al-Khatib, giornalista della rete Al-Arabiya, si è recata nel campo di Al-Hol nel nord della Siria, riservato alle donne straniere, ed ha intervistato alcune di loro e i loro figli. Il campo è uno dei tre gestiti dalle forze SDF sostenute dagli Stati Uniti, e ospita quasi 13.000 donne e bambini stranieri. Il video dell’intervista alle donne è stato pubblicato sul sito in arabo e inglese di Al-Arabiya il 16 aprile 2019. Rola al-Khatib ha incontrato negli altri campi anche i combattenti uomini di Isis, ma afferma che il suo tempo trascorso con le donne, è stato “Il più violento, fisicamente e psicologicamente”. Le donne, che indossano il niqab, parlano con Al-Khatib dall’interno del campo, dietro il recinto. Secondo Al-Khatib, “Le donne hanno iniziato a lanciare sassi contro di noi. Ci è stato detto che hanno bruciato la tenda di una donna che aveva rimosso il velo dal suo viso. Se fossimo entrati nel campo la nostra sicurezza non poteva essere garantita, così abbiamo condotto l’intervista da dietro la recinzione”.

Al-Khatib afferma che sebbene queste donne si siano arrese alle forze democratiche siriane “Stanno ancora seguendo il percorso e l’ideologia di Isis”. Alla domanda su cosa pensano delle decapitazioni, una di loro ha detto che il Corano afferma: “Colpisci il collo, taglia la punta delle dita. Questo è quello che abbiamo fatto, la decapitazione è una Sunnah del Profeta”. Un’altra donna ha detto: “Ci dispiace non rimanere ad Al-Baghouz per morire nel nome di Dio”. Le donne dicono che non tutte vogliono tornare ai loro Paesi di origine, alcune di loro desiderano rimanere in Siria e continuare a combattere. Un’altra donna dice: “Ascolta, non vederci come mostri o barbari, no. Non siamo barbari e l’Islam è buono….. Combattiamo quelli che combattono Allah e il Suo Profeta … “. Le donne hanno dichiarato ad Al-Khatib che una volta morto in battaglia il loro marito, si sono risposate perché non potevano rimanere nella “Terra dello Jihad” senza un protettore maschio. Una delle donne ha dichiarato che sua madre è stata la persona che l’ha accompagnata all’aeroporto all’inizio del suo viaggio in Siria e continua a incoraggiarla a essere risoluta e vittoriosa e le chiede di non tornare nelle terre degli infedeli.

Un’altra, ha affermato: “Il credo che è coltivato qui (riferito allo Stato islasmico) non sarà rimosso da nessuno. Non Trump, né l’America, né gli ebrei, né gli infedeli … nessuno. Questo credo è coltivato anche nei nostri figli”.

Di seguito, il video dell’intervista.

Annunci

Autore: niaguaita

Sociologa e scrittrice

One thought on “Face to Face with women of ISIS”

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...